Privacy Policy Cookie Policy Rocca di Perti Il Vecchio: arrampicare sul calcare di Finale

Rocca di Perti Il Vecchio: arrampicare sul calcare di Finale

Il Vecchio Perti


Alla Rocca di Perti Il Vecchio è una delle grandi classiche vie di roccia dell’intero Finalese.

Ti ho già parlato in passato della Rocca di Perti, ti invito quindi a leggere “Arrampicare in inverno, arrampicare sempre!” per maggiori informazioni.

Perti è uno dei miei posti preferiti per ripetere vie lunghe a Finale Ligure.

Bellezza dell’ambiente, qualità della roccia, un calcare davvero straordinario e bellezza delle vie che la attraversano, ne fanno un posto davvero unico.

La via di roccia di cui voglio raccontarti oggi si chiama “Il Vecchio”.

È una via che ho ripetuto un paio di volte al quale sono particolarmente affezionato.

Infatti, questa è la prima via di roccia che ho realizzato a tiri alterni, cioè che ho salito alternandomi da primo con il mio compagno di cordata.

Devi perdonarmi, ma sono passati un po’ di anni da quando l’ho ripetuta l’ultima volta, di conseguenza faccio un po’ di fatica a ricordarla esattamente.

Ricordo però molto bene i suoi passaggi caratteristici.

Cercherò quindi di farti un racconto, che ti permetta di averne comunque una buona idea.

Ecco la mia prima ripetizione della Via del Vecchio alla Rocca di Perti

La storia della via del Vecchio alla Rocca di Perti

La via Il Vecchio alla Rocca di Perti è stata aperta il 18 marzo del 1973 da A. Casula, A.Grillo e V. Simonetti.

Alessandro Grillo è stato uno dei primi e più attivi rocciatori ad aprire vie a Finale.

Sempre lui, insieme al compagno di cordata Simonetti, sono anche gli autori di uno degli itinerari più conosciuti di Pianarella e forse anche di tutto il finalese: la Grimonett.

Il Vecchio è una via molto varia, che si sviluppa per circa 160 metri.

È suddivisa in sei lunghezze di corda ed è caratterizzata da placche, fessure, traversi, muri verticali, insomma una via davvero divertente.

Si trova sul versante ovest della Rocca di Perti, per cui può essere salita tranquillamente anche in inverno in giornate soleggiate e prive di vento.

Attacco via Il Vecchio
Lo spigolo dove attacca la via

Preparazione alla salita

Scesi dalla macchina prepariamo ogni materiale necessario per salire la via.

Imbrago, rinvii, moschettoni, magnesite, scarpette, soste, insomma, ci mettiamo addosso tutto l’occorrente per affrontarla: mi sento quasi un alpinista serio!

Il Vecchio alla Rocca di Perti ci sta aspettando!

 Prendiamo quindi immediatamente il sentiero che parte dietro la bacheca in legno con la mappa della zona.

Ci addentriamo in salita nel bosco ed essendo nel versante nord della rocca, fa di conseguenza un po’ freddino perché siamo in ombra e in più, l’umidità si fa sentire.

Basta però poco per scaldarci, infatti il sentiero si inerpica a tratti in piano ed in altri punti più deciso.

Quasi all’inizio del sentiero in realtà, sulla destra, si incrocia una traccia che salendo decisa porta in pochi minuti allo spigolo, che separa il versante nord da quello ovest.

Oggi pero, percorriamo quello che solitamente si segue in discesa al rientro dalle vie.

In circa 25’ arriviamo quindi al versante ovest e camminando in direzione sud, costeggiando la base delle vie, raggiungiamo l’attacco del Vecchio alla Rocca di Perti.

La via parte in prossimità di uno sperone di roccia, con una grotta alla sua destra.

La partenza originale si trova in realtà poco più a sinistra, è sale un tiro di valutato 6a che oggi quasi più nessuno ripete, perché molto unto.

Se non sai cosa esprime questo valore, ti invito a leggere il mio articolo sui gradi dell’arrampicata.

Attacco della via

Giusto il tempo di preparare e legarci alle corde, Giovanni è già pronto per partire sul primo tiro.

Siamo ancora in ombra quindi la roccia è ancora un po’ freddina.

Gli faccio sicura facendo molta attenzione, sono un po’ in ansia per la mia prima volta.

Sale velocemente superando uno spigolo leggermente appoggiato e in pochi minuti arriva quindi in sosta.

Recuperate le corde si prepara a recuperarmi e mi dà l’ok a partire.

Infilo le scarpette e mi stacco da terra muovendo i miei primi passi sulla Via del Vecchio alla Rocca di Perti.

Cerco di stare tranquillo e concentrarmi sui movimenti più che sulle mie paure, ma non è semplice, mi sento piuttosto impacciato.

Passo dopo passo comincio a prendere confidenza ed in breve lo raggiungo in sosta.

Calcare Rocca Perti
Il fantastico calcare finalese

Il battesimo da primo su una via

Giusto due dritte sulla linea di salita che devo affrontare mentre ci scambiamo il materiale.

È arrivato il mio momento!

Sono un po’ irrigidito dalla tensione, che mi rende quindi piuttosto legnoso nei movimenti.

Traverso qualche metro a sinistra della sosta, la sensazione è la stessa che si prova quando guidi la tua prima automobile per la prima volta.

Cuore a mille, salivazione inesistente, panico puro.

Arrivo sotto un’evidente fessura verticale che risalgo fino al suo termine.

Continuo su un muro verticale puntando ad un alberello solitario, vicino al quale trovo la sosta: ora posso finalmente riprendere a respirare!

migliori attrezzature arrampicata

Il tiro chiave: Il traverso del Vecchio alla Rocca di Perti

Affrontiamo ora il tiro chiave della via il Vecchio alla Rocca di Perti.

Giovanni lo conclude senza problemi prendendosi il tempo necessario.

Capirò a breve, che i traversi affrontati da secondo di cordata fanno davvero strizzare!

La prima parte del tiro traversa salendo leggermente verso sinistra, fino ad arrivare ad una “pancia” che aggiro, per ritrovarmi in completa esposizione.

Abbassandomi leggermente inizio quindi ad andare decisamente in traverso a sinistra.

Sembra di camminare su un esile cornicione a settanta, ottanta metri da terra, con un vuoto sotto i piedi che mi carica d’ansia.

Respiro profondamente cercando di mantenere la calma.

Arrivo in prossimità della sosta, ormai vedo il mio compagno di cordata che se la ride, perché sa già che sto arrivando, come diciamo noi, “a chiappe strette”.

Continuo sempre in traverso fino alla base di un diedro (parete ad angolo), dove con un passo in spaccata raggiungo finalmente la sosta.

Perti il Vecchio traverso
Il traverso del Vecchio alla Rocca di Perti

Un lungo viaggio

Giusto il tempo di riprendermi dallo shock del traverso, parto per la lunghezza successiva.

Sempre con un po’ d’ansia mi avvio per affrontare insieme al precedente, uno dei tiri più avvincenti dell’intera via.

La lunghezza che sto affrontando parte in un delicato diedro inciso da una fessura.

Salgo verticalmente e mi ritrovo su una placca che porta ad un terrazzino con degli alberi.

Qui c’è una prima sosta, che però salto per continuare sul tiro successivo.

L’arrampicata non è mai troppo difficile, ma richiede comunque la dovuta attenzione.

Per me che sono alle prime armi, più che attenzione è una vera e propria trance.

Metro dopo metro, supero un fessurone-camino iniziale ed una successiva placca, arrivando quasi al termine del tiro.

Vinco ancora un muro finale leggermente strapiombante, che forse è la parte più delicata dell’intera lunghezza di corda.

Tutta insieme risulta essere un viaggio davvero entusiasmante di circa 50 metri.

Superato il muro mi ribalto su un terrazzino dove trovo la sosta.

Rocca Perti via del Vecchio
Sul lunghissimo tiro dopo il traverso

Conclusione dell’avventura sulla via del Vecchio alla Rocca di Perti

Giovanni mi raggiunge in sosta entusiasta del tiro appena affrontato.

Senza perdere tempo ripartiamo quindi per concludere la nostra avventura sulla Via del Vecchio alla Rocca di Perti.

Ormai non ci sono più grosse difficoltà, infatti usciamo affrontando una quindicina di metri su facili roccette, fino a guadagnare la cima della rocca.

È una bellissima giornata, in cielo nemmeno una nuvola e la temperatura fa pensare di essere in primavera più che in inverno

Abbiamo ripetuto l’intera via infatti, con addosso soltanto una maglietta a maniche lunghe e si sta davvero molto bene.

Ci stringiamo la mano e ci complimentiamo per la riuscita della salita.

L’ansia iniziale ora viene sostituita da una grandissima soddisfazione.

Per me è una grande conquista!

In futuro porterò a termine progetti decisamente più difficili, ma quel giorno mi è sembrato di realizzare davvero una grande impresa.

All’uscita del Vecchio alla Rocca di Perti: una vista straordinaria

Raccogliamo velocemente tutto il materiale per imboccare il sentiero di discesa che in circa trenta minuti ci riporta alla macchina.

Prima solo una breve deviazione verso la croce della sommità della Rocca di Perti.

Da qui la vista è veramente straordinaria: di fronte a noi il mare e l’isola della Gallinara.

E davvero bello essere qui e poter godere di questa vista e della bellissima giornata.

Facciamo quattro chiacchiere, più che altro commentando la via, analizzando come sono andate le cose, ma soprattutto godendoci la quiete del momento.

Iniziamo ora a scendere per il semplice e bel sentiero, che attraverso un fitto bosco ci riporta alla macchina.

Ho già voglia di un’altra avventura!

Paesaggio Finale Ligure
La bellissima vista sul mare dalla sommità della rocca

Conclusione

La Via del Vecchio alla Rocca di Perti è sicuramente un itinerario di roccia non difficile, ma comunque da non sottovalutare, soprattutto se si è agli inizi.

Ti ricordo, come già detto nell’articolo “Arrampicare in inverno, arrampicare sempre!” che Finale è rinomata per essere dura e che i gradi dell’arrampicata qui non li regalano.

Infine sappi che le chiodature sono sempre piuttosto lunghe, per cui l’arrampicata libera richiede decisione ed esperienza.

Le foto che trovi all’interno dell’articolo sono il risultato di entrambe le mie ripetizioni.

Per la relazione più dettagliata ti rimando a questo link del sito vielunghefinale.com, dove troverai anche molti altri itinerari interessanti.

Come sempre ti ricordo di tenere bene presente, che l’arrampicata è un’attività potenzialmente molto pericolosa e che l’itinerario qui descritto va affrontato a seguito di una adeguata formazione.

Spero che l’articolo ti sia stato d’aiuto e che lascerai un like e lo condividerai sui tuoi profili social.

Qui sotto hai anche la possibilità di lasciare un commento se ne hai piacere.

Non mi resta che salutarti e darti appuntamento prossimamente sempre qui su Allmountainsite.

A presto!


Attrezzature per la montagna

Se non vuoi perderti le pubblicazioni dei nuovi articoli, iscriviti agli aggiornamenti di Allmountainsite.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *