Privacy Policy Cookie Policy Nodo Savoia: legarsi alla corda da arrampicata - Allmountainsite

Nodo Savoia: legarsi alla corda da arrampicata

Nodo Savoia legarsi alla corda

Il nodo Savoia è il più comunemente utilizzato per legarsi alla corda da arrampicata.

Viene chiamato anche nodo delle guide con frizione o nodo a otto infilato ed è adottato sia in arrampicata che in alpinismo.

Le sue caratteristiche principali sono:

  • facilità di esecuzione
  • si scioglie semplicemente anche dopo essere stato sottoposto a forti trazioni
  • non si disfa accidentalmente

Queste caratteristiche le ritroviamo in realtà un po’ in tutti i nodi di collegamento alla corda, ma alcuni sono più adatti di altri ed è per questo che sono adottati anche dai corsi del CAI.

Infatti non a caso il nodo Savoia o nodo delle guide con frizione è uno dei primi che si insegnano durante i corsi di arrampicata e alpinismo.

Alcuni arrampicatori, soprattutto coloro abituati a spingere molto sui gradi dell’arrampicata e che volano senza tanti problemi, spesso utilizzano un altro nodo ovvero il bulino infilato.

Il motivo è perché risulta più facile da sciogliere rispetto all’otto infilato quando sottoposto a trazione.

Il bulino infilato è però più difficile da eseguire e può sciogliersi accidentalmente se non perfettamente eseguito.

Ne sa qualcosa ad esempio Lynn Hill, fortissima arrampicatrice statunitense che negli anni ’80 ha fatto la storia dell’arrampicata femminile insieme a Catherine Destivelle, di cui invece si racconta neldocumentario Au delà des cimes.

Infatti, nel 1989 Lynn Hill ebbe un grave incidente dovuto ad una errata esecuzione del nodo bulino, che per sua fortuna non le è costato la vita.

Ma queste sono un’altra storia e un altro nodo, che vedremo nel dettaglio prossimamente.

Quando utilizzare il nodo Savoia

Come nodo di collegamento all’imbrago da arrampicata dunque utilizziamo il nodo Savoia, cercando di eseguirlo sempre con molta attenzione e cura.

Adottiamo questo nodo per la pratica dell’arrampicata su roccia in falesia, dove ci leghiamo attraverso la corda intera.

Lo utilizziamo anche quando ci avventuriamo su vie multipitch o salite alpinistiche, dove eseguiamo singolarmente su ognuna delle due mezze corde un nodo delle guide con frizione.

È molto importante costruirlo correttamente e sempre in modo ordinato, per far si che lavori bene in caso di caduta.

Qualsiasi dubbio sulla sua esecuzione non deve farti esitare dallo scioglierlo e rifarlo, perché da questo nodo dipende la tua sicurezza.

Ripetilo infinite volte per imparare a realizzarlo perfettamente, così da non avere dubbi quando ne avrai bisogno, basta uno spezzone di corda di qualche metro per esercitarti.

Ma vediamo subito come costruire il nodo delle guide con frizione.

Realizzare il nodo Savoia

Per iniziare a formare questo nodo devi partire a realizzare il nodo Savoia, ovvero l’otto principale.

Prendi una bracciata da uno dei due capi liberi della corda da arrampicata, otteni così due rami paralleli con cui comincerai a formare l’otto.

La bracciata prendila partendo dal mento o dalla spalla, poiché biomeccanicamente non siamo tutti uguali le prime volte fai dei tentativi, per trovare la misura più adatta a te.

Ora con il capo libero passa davanti all’altro ramo della corda, fallo girare poi dietro e tornando sulla parte anteriore, infila il capo all’interno dell’occhiello che viene a formarsi.

Hai realizzato in questo modo il nodo a otto, che andiamo poi a ripassare con la restante corda avanzata.

La stessa operazione funziona anche invertendo il senso di rotazione della corda, cioè iniziando la sequenza passando con il capo libero dietro al ramo lungo e cosi via.

Costruire il nodo Savoia
Sequenza per costruire il nodo Savoia

Costruire il nodo delle guide con frizione

Adesso, infila il capo della corda da cui parte il tuo nodo Savoia all’interno dei passanti dell’imbrago, da sopra o da sotto è indifferente.

Se non sai cosa sono i passanti, ti consiglio la lettura del mio articolo “Imbracatura o imbrago da arrampicata“.

Porta il nodo a otto a battuta con l’imbrago e inizia a ripassare il capo libero della corda al suo interno.

Devi praticamente ripercorrere l’otto formato in precedenza in senso contrario, mantenendoti sempre all’interno di quello principale.

In ultimo, devi trovarti con il capo della corda che esce dal nodo che si è venuto a formare, che sporge con una lunghezza di almeno quattro dita, cioè circa 10-12 cm.

Hai realizzato ora il nodo delle guide con frizione e hai concluso di legarti alla corda da arrampicata.

Costruire il nodo delle guide con frizione
Sequenza per costruire il nodo delle guide con frizione

Migliori attrezzature arrampicata


Rifinire il nodo delle guide con frizione

Una volta legato è necessario rifinire il tuo nodo Savoia lavorandolo, cioè tirando bene singolarmente ognuno dei quattro capi in ingresso e in uscita che lo formano.

Questa operazione è molto importante, perché aiuta a chiuderlo bene evitando così che possa sciogliersi accidentalmente da solo.

Un nodo delle guide con frizione ben eseguito è caratterizzato da due particolarità:

  • L’asola che si crea all’imbrago, deve essere circa delle dimensioni dell’anello di servizio dell’imbracatura stessa.
  • il nodo deve risultare ordinato e piatto.
Stingere il nodo delle guide con frizione
Stingere sempre bene il nodo tirando singolarmente tutti e quattro i capi della corda
Legarsi alla corda da arrampicata
L’asola all’imbrago del nodo Savoia deve essere grande come l’anello di servizio

Come funziona il nodo Savoia

La peculiarità del nodo Savoia o nodo delle guide con frizione e che sotto carico tende a stringersi ulteriormente.

Questo avviene perché è formato due nodi a otto, uno sovrapposto all’altro.

Quando il nodo viene messo in trazione, l’otto esterno si stringe verso quello interno come un serpente che stritola la sua preda.

Ovviamente dopo essere stato sottoposto a un forte carico, ad esempio in seguito all’arresto di una caduta, diventa un po’ più difficoltoso da sciogliere.

Non temere però, esiste un semplice trucco per poter aprire il tuo nodo Savoia comunque con relativa facilità.

Sciogliere il nodo delle guide con frizione

Dopo essere rimasto molto tempo appeso in parete o a seguito di un volo, potresti farti prendere dal nervosismo nel momento in cui devi sciogliere il tuo nodo a otto infilato.

Come ti anticipavo poco fa però, esiste un modo semplice per aprirlo e liberare la tua imbracatura da arrampicata.

Ti basta infatti prendere il lembo del nodo più vicino al capo della corda e spingere verso l’estremità della corda stessa con entrambi i pollici, per allentare così la stretta.

Una volta diminuita la pressione su tutto il resto del nodo, vedrai che sarà molto più facile scioglierlo completamente e svincolarti così dalla legatura.

Ricordati di sciogliere sempre qualsiasi nodo prima di sfilare la corda dalla sosta per evitare che si incastri e di disfarli sempre prima di conservare la corda da arrampicata.

Un nodo lasciato stretto infatti, nel lungo periodo, tende a rovinare la corda diminuendo la sua resistenza.

sciogliere il nodo delle guide con frizione
Come sciogliere il nodo delle guide con frizione

Conclusioni

Come hai visto quindi legarsi alla corda tramite il nodo Savoia è più facile a farsi che a dirsi.

Il nodo Savoia è estremamente sicuro, ma come tutte le manovre di corda va eseguito attentamente e correttamente per non rischiare di incorrere in incidenti.

Prima di salutarti, voglio anche segnalarti che questo nodo non è assolutamente adatto come nodo di giunzione delle corde per le discese in corda doppia.

Infatti per questa manovra è necessario legare le corde con un nodo che ha la proprietà di “galleggiare” sulla roccia.

Il nodo delle guide con frizione non è un nodo galleggiante e quindi tenderebbe facilmente ad incastrarsi.

Spero che questo articolo ti sia stato utile e che ti abbia introdotto con semplicità nel mondo dei nodi utilizzati in arrampicata libera e alpinismo.

Mi auguro cliccherai su like per dimostrarmi il tuo apprezzamento e che condividerai questo articolo sui tuoi profili social.

Se vuoi puoi anche scrivere un commento qui sotto, fammi sapere se sei riuscito/a a realizzare il nodo o se hai qualche domanda, sarò lieto di risponderti.

A presto sempre qui su Allmountainsite.

Attenzione: le informazioni contenute in questo articolo sono solo a carattere informativo e non didattico.

Le prime volte è necessario eseguire il nodo sotto stretta osservazione di personale esperto e qualificato.


Attrezzature per la montagna

Se non vuoi perderti le pubblicazioni dei nuovi articoli, iscriviti agli aggiornamenti di Allmountainsite.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *